CARLSBERG

 

STORIA E SISTEMA DI SPILLATURA

J.C. Jacobsen iniziò la propria attività di birraio il 10 novembre 1847 quando aprì la propria fabbrica al di fuori delle mura della città e la chiamò Carlsberg (“la collina di Carl”), dedicandola al figlio e al colle su cui aveva costruito lo stabilimento. Il costante impegno di Carlsberg nella ricerca e nella qualità è testimoniato dalla scoperta, nel 1883, del lievito per birre a bassa fermentazione Saccharomyces carlsbergensis, lasciato in generosa eredità al mondo intero, che lo utilizza per la produzione della gran parte delle birre lager nel mondo.

Carlsberg Italia ha lanciato nel 2011, dopo un lungo lavoro di ricerca ed innovazione, il nuovo sistema di spillatura della birra con impianti fissi, denominato DM Modular 20, inserendolo nel più ampio concept denominato "Drink Different". Grazie all'innovativa tecnologia, la birra non è più contenuta nei tradizionali fusti di acciaio, ma in fusti a perdere in PET da 20 litri (riciclabili con la normale raccolta differenziata), possibilità che permette di servire la birra senza aggiunta di anidride carbonica. n tal modo si ottiene un prodotto di qualità che mantiene più a lungo le caratteristiche organolettiche (a fusto chiuso 9 mesi contro i 6 mesi del fusto in acciaio) con una vita media più lunga del fusto una volta attaccato all'impianto (31 giorni contro 4), e con un minor impatto ambientale.

 

LE BIRRE

LAGER FUSTO PET 20 L
LAGER FUSTO PET 20 L

CARLSBERG LAGER

Le sue caratteristiche organolettiche le permettono di distinguersi come una birra elegante e raffinata, mentre l'accurata selezione dei luppoli che la compongono ne esalta la fragranza unica e inconfondibile.

Tipologia: Lager

Grado alcolico: 5,0%

Abbinamenti: Un ideale accompagnamento per spuntini veloci e aperitivi

Formato:

  • Fusto PET 20 l

 

SPECIAL BREW FUSTO PET 20 L
SPECIAL BREW FUSTO PET 20 L

CARLSBERG SPECIAL BREW

Le prime sensazioni che si avvertono sono un aroma intenso di cereali, lievemente fruttato, ed elevate note alcoliche che ricordano le caratteristiche del cognac.  Si distingue per la sua corposità molto intensa in cui l'amaro bilancia in parte, senza sopraffare, il gusto dolce dovuto al residuo zuccherino della fermentazione.

Tipologia: Lager

Grado alcolico: 9,0%

Abbinamenti: Un ideale accompagnamento per piatti dai gusti decisi ed intensi come carni rosse e rosa, formaggi a pasta dura e semidura

Formato:

  • Fusto PET 20 l